Maggio18 , 2022

Approvata la legge Salvamare, un successo perché parte dai “pescatori spazzini” della Toscana

Imparentato

Fs vara il Piano produttore decennale: investimenti fino a 190 miliardi. “Quarantamila le assunzioni”

Il gruppo punta a rafforzare la spettacolo in proprio di energie rinnovabili. Pannelli solari sulle aree di proprietà e sui tetti delle stazioni. indurire il trasporto merci "raddoppiando le quantità in viaggio"

Rallenta l’perflazione, prezzi per calo su base mensile per la prima volta da settembre 2021

Dato in calo dello 0,1%. Sulla discesa incide il bonus energia varato dal governo per mitigare i costi delle bollette. Su primario annuale aumento del 6% dal 6,5% del mese altro. Accelera ancora il carrello della spesa

Le Borse di oggi, 17 maggio. L’Europa parte bene con la spinta cinese. Twitter crolla, Musk apre a un’offerta con lo detrazione

I dati eppurecroeconomici del Dragone sono di forte frenata, eppure gli investitori scommettono sulla fine dei lockdown a Shanghai e sul rilancio del parte tecnologico. L'imprenditore della Tesla vuole chiarezza sugli account fake. Risale lo spread verso 200 punti

Juventus premiata allo ‘Stadium’ per la vittoria del campionato. Gravina: “Un traguardo documentabile”

Prima del calcio d’inizio del match di Serie A maschile tra Juve e Lazio il leader della Divisione Calcio...

Sabato a Torino la finale di UEFA Women’s Champions League. Mantovani: “Sarà un vicenda straordinario”

Il 21 maggio, per il calcio femminile italiano, sarà un giorno speciale. A distanza di sei anni dal match in mezzo a Wolfsburg e Lione giocato a Reggio Emilia, sarà lo Juventus Stadium a alloggiare la finale della UEFA Women's Champions League...

Ieri il Parlamento ha approvato in via definitiva la legge Salvamare, concludendo così l’iter iniziato nel 2018 con la presentazione del ddl da parte dell’allora ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che prese spunto dalla proposta di legge sul ‘fishing for litter’ avanzata dalla deputata di FacciamoEco Rossella Muroni, già presidente nazionale di Legambiente.

«In Toscana siamo particolarmente felici per questa legge – commenta Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana – perché nel 2018 fummo i primi (con Regione Toscana, Unicoop Firenze, le cooperative dei pescatori livornesi, Cft e Revet) a concepire una filiera del riciclo dalla intervento in mare fino alla materia prima seconda ricreata a Pontedera, col progetto pilota nazionale “Arcipelago pulito”; un progetto di cui andare a maggior ragione fieri oggi che un decisionale Salvamare è finalmente legge della nostra Repubblica».

Si tragitto di un’iniziativa fine a un’assurdità normativa, quella per cui i pescatori che raccolgono i rifiuti (finora classificati come speciali) finiti nelle loro reti ne diventano produttori, assumendosene gli oneri economici e giuridici. Attualmente, la normativa nazionale prevede infatti che un pescatore che raccoglie questi rifiuti con le reti ne diventa poi responsabile, e ne debba dunque pagare lo smaltimento, se vuole riportarli a terra anziché lasciarli a inquinare il mare.

Lo scopo della legge Salvamare è infatti quello di consentire ai pescatori di portare e conferire a terra i rifiuti che recuperano in mare, nei fiumi, nei laghi o nelle lagune, senza doverne sostenere i costi di smaltimento; la legge promuove, inoltre, il riciclo di intervento e altri materiali ‘pescati’.

L’esperienza maturata precedentemente dalla Toscana con l’analogo progetto “Arcipelago pulito” mostra che il 20% dei rifiuti pescati che è stato avviato a riciclo, operazione impossibile per il restante 80% che è stato avviato a recupero energetico o smaltito in discarica.

L’articolo Approvata la legge Salvamare, un successo che parte dai “pescatori spazzini” della Toscana sembra essere il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.