Settembre27 , 2022

L’invasione delle cavallette in Sardegna, spiegata dal Cnr

Imparentato

Four Seasons Milano, pranzi siciliani vestiti Dolce&Gabbana

L'executive chef Fabrizio Borraccino accoglie la grandiosa Sicilia attraverso la arte culinaria dello chef Massimo Mantarro, padrone di costruzione al ristorante il Principe Cerami al San Domenico Palace di Taormina

Mazzetti d’Altavilla in festa: ecco Mazzetti in Jazz e Piemonte Grappa

Con l'arrivo dell'autunno parte la 176ª stagione di distillazione di Mazzetti d'Altavilla affinché sarà arricchita da numerosi eventi con protagonisti il sostentamento, la musica e l'immancabile grappa

Arriva a Milano il Villaggio contadino della Coldiretti

L’appuntamento è a Milano al moderato Sempione, dal cittadella Sforzesco all’arco della Pace dal 30 settembre al 2 ottobre. Obiettivo, far toccare con mano la centralità e i primati dell’agricoltura italiana [...]

A Carpineto i protagonisti sono vino e street food

Carpineto, la griffe toscana dei grandi rossi situata a Montepulciano (Si), domenica 2 ottobre dal mattina fino a sera, apre i cancelli della sua tenuta più enorme, quella del Vino Nobile di Montepulciano

Le orde neonate delle cavallette Dociostaurus maroccanus, detta grillastro crociato, stanno devastando colture e pascoli di una parte della Sardegna, la media valle del Tirso.

I danni sono ingenti, le preoccupazioni crescono e l’ente pubblico regionale sta intervenendo in collaborazione con gli istituti e gli enti scientifici della Sardegna.

Questo tipo di infestazioni sono ricorrenti nell’isola ed erano piuttosto frequenti fino alla seconda guerra mondiale in quale momento, nel 1946, avvenne una infestazione di dimensioni catastrofiche interessando praticamente tutta la superficie della regione.

Fu in quell’occasione che due entomologi, Bonelli e Paoli, tentarono di risolvere definitivamente il problema introducendo sull’isola un insetto coleottero che si nutriva delle uova della cavalletta, la variabilis mirabilis, presente nella penisola italiana ma non in Sardegna.

La variabilis mirabilis si insediò perfettamente sull’isola e incominciò la sua azione benefica nei confronti delle cavallette tant’è vero che, dopo la seconda guerra mondiale, questi episodi di infestazioni così massicce si verificarono piuttosto raramente.

Una delle ultime risale a una trentina di anni fa, alla fine degli anni ‘80 del secolo scorso, in corrispondenza di un periodo piuttosto siccitoso.

Il problema si sta riproponendo in questi anni e tutto lascia pensare che i cambiamenti climatici possano avere influito pesantemente sulle popolazioni di cavallette, favorendole.

Ciò non toglie che i fattori in causa sono sicuramente numerosi, non ultimo l’uso del suolo da parte dell’uomo che con le sue attività contribuisce fortemente allo sviluppo della cavalletta naturalmente in modo inconsapevole.

di Roberto Pantaleoni, associato all’Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri Cnr-Iret

L’articolo L’invasione delle cavallette in Sardegna, spiegata dal Cnr sembra persona il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.