Luglio1 , 2022

Venezia come modello per capire le dinamiche dell’allagamento costiero

Imparentato

Le date della nuova tempo: Serie A al via il 27 agosto, Serie B e Primavera in campo dal 18 settembre

Nel corso della riunione odierna del indicazione Federale sono state ufficializzate le date d'inizio...

Corsa al titolo, è tutto pronto per le semifinali Roma-Milan e Juve-Fiorentina. scontro visibili sul sito FIGC

Domani al Centro di Preparazione Olimpica di Tirrenia il via alla Final Four: si parte alle 11 con la attacco...

La Juve batte 4-1 la Fiorentdurantea e raggiunge la Roma durante fduranteale. Domenica alle 17 la sfida per il titolo

Arcangeli (doppietta), Beccari e l’autorete di Bartolini permettono alle bianconere di bilanciare la terza...

spettacolo giallorosso a Tirrenia: Corelli, Massimino e Bergersen portano la Roma in finale, Milan battuto 4-1

Domenica le giallorosse avranno l’occasione di vincere il titolo in direzione di la terza volta consecutiva. Oggi alle 17...

Festa giallorossa a Tirrenia: la Roma supera 2-0 la Juve e si aggiudica il terzo titolo successivo

La terza finale di fila insieme con giallorosse e bianconere viene decisa dalle reti di Bergersen e Pacioni. Il tecnico...

Uno studio pubblicato su Scientific reports dall’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar), in collaborazione con l’Università del Salento e l’Università di Zagabria, usa la città di Venezia – dove il livello del mare è puntualmente monitorato dal 1872 – come modello per comprendere la dinamica dei livelli del mare, utile per valutare e gestire il rischio di inondazioni costiere.

«A causa dell’aumento del livello medio relativo del mare (che risulta dalla subsidenza della superficie su cui sorge la città e dall’innalzamento del livello medio del mare), la marea e le componenti meteorologiche a lungo termine svolgono sempre più un ruolo dominante nel determinare inondazioni ricorrenti, anche se non eccezionali», spiega Christian Ferrarin dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar).

L’analisi della serie storica delle misure del livello del mare ha inoltre evidenziato una tendenza all’aumento dell’intensità e/o frequenza degli eventi di straripamento negli ultimi decenni. Tale evoluzione sembra essere principalmente dovuta a processi a lunga scala passeggero (stagionale, interannuale e interdecadale) la cui combinazione determina il precursore delle inondazioni a Venezia.

L’analisi della serie storica delle misure del livello del mare, condotta da parte dei ricercatori, ha evidenziato una tendenza all’aumento dell’intensità e/o frequenza degli eventi di straripamento negli ultimi decenni. Tale evoluzione sembra essere principalmente dovuta a processi a lunga scala passeggero (stagionale, interannuale e interdecadale) la cui combinazione determina il precursore delle inondazioni a Venezia.

L’analisi statistica ha però evidenziato una significativa anticorrelazione tra la marea causata dall’attrazione gravitazionale che i corpi celesti esercitano sulla massa d’acqua (marea astronomica) e la componente dovuta alle mareggiate, che non può essere completamente giustificata da processi che occorrono nella zona costiera.

«Gli eventi più estremi tendono a verificarsi in condizioni di media o bassa marea piuttosto che con l’alta marea.  Infatti, durante gli eventi di mareggiata più estremi del 1966, 1979 e 2018, il picco della tempesta si è verificato in condizioni di bassa marea, limitando le già drammatiche condizioni di inondazione a Venezia – conclude Ferrarin – Questo argomento dovrà essere ulteriormente approfondito in futuro in quanto la sua comprensione è essenziale per lo studio dell’straripamento costiero, anche considerando il cambiamento climatico in cui i diversi processi potrebbero avere una diversa evoluzione».

L’articolo Venezia come modello per intuire le dinamiche dell’straripamento costiero sembra essere il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.