Luglio1 , 2022

Esplosione dopo l’eruzione a Tonga la più alta mai registrata

Imparentato

Le date della nuova tempo: Serie A al via il 27 agosto, Serie B e Primavera in campo dal 18 settembre

Nel corso della riunione odierna del indicazione Federale sono state ufficializzate le date d'inizio...

Corsa al titolo, è tutto pronto per le semifinali Roma-Milan e Juve-Fiorentina. scontro visibili sul sito FIGC

Domani al Centro di Preparazione Olimpica di Tirrenia il via alla Final Four: si parte alle 11 con la attacco...

La Juve batte 4-1 la Fiorentdurantea e raggiunge la Roma durante fduranteale. Domenica alle 17 la sfida per il titolo

Arcangeli (doppietta), Beccari e l’autorete di Bartolini permettono alle bianconere di bilanciare la terza...

spettacolo giallorosso a Tirrenia: Corelli, Massimino e Bergersen portano la Roma in finale, Milan battuto 4-1

Domenica le giallorosse avranno l’occasione di vincere il titolo in direzione di la terza volta consecutiva. Oggi alle 17...

Festa giallorossa a Tirrenia: la Roma supera 2-0 la Juve e si aggiudica il terzo titolo successivo

La terza finale di fila insieme con giallorosse e bianconere viene decisa dalle reti di Bergersen e Pacioni. Il tecnico...

Dopo quella del Krakatoa in Indonesia nel 1883 l’esplosione dopo l’eruzione a Tonga è stata in assoluto la più alta mai registrata

La terrificante esplosione dopo l’eruzione a Tonga è stata la più alta mai registrata: uno studio pubblicato sulla rivista Science certifica che quello è stato il “botto” più clamoroso dell’era moderna, a voler considerare la stessa in senso lato e recente e con il solo precedente ancora più clamoroso del Krakatoa.

Il dato scientifico accertato è che l’eruzione del vulcano Tonga dello scorso 15 gennaio è stata definita nel modo che la più grande esplosione mai registrata nell’atmosfera da strumentazioni moderne. 

L’esplosione a Tonga la più alta di tutte

Gli articoli accademici che campeggiano su Science hanno analizzato i dati. E sono dati incontrovertibili: quello che ad inizio 2022 è successo nella piccola isola nel sud del Pacifico è stato un evento molto più potente di qualsiasi altro fenomeno vulcanico del ventesimo secolo.

C’è un dato-iperbole: a Tonga si sarebbe registrato un “botto” perfino superiore a qualsiasi test di bombe atomiche condotto dopo la Seconda guerra mondiale. Il 15 gennaio del 2022 in Italia, dove pure arrivò l’onda d’urto dell’esplosione, era mattina: l’eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai distrusse l’omonima isola cancellandola dalle cartine geografiche. Furono circa 3000 le persone le cui case vennero annientate e molte di più le persone colpite o interessate dagli effetti della deflagrazione. 

Il precedente peggiore: il Krakatoa nel 1883

I dati spiegano che con ogni probabilità (ma all’epoca le rilevazioni scientifiche erano clamorosamente più primitive) solamente l’eruzione del Krakatoa fece di peggio in quanto a potenza liberata. Quell’eruzione era avvenuta in Indonesia nel 1883 e fece più di 30.000 vittime. Robin Matoza, dell’Università della California, Santa Barbara, ha detto alla Bbc che Tonga è stato un evento davvero globale, proprio nel modo che lo era stato Krakatoa. “I sistemi di osservazione geofisica hanno registrato un po’ di soldi che era davvero senza precedenti nei dati moderni”.